Raccolta differenziata anche per i positivi al Covid, arriva la conferma dall’Iss

14 marzo 2022

Il 3 marzo con una nota tecnica l'Istituto Superiore di Sanità comunica: anche in presenza di una persona positiva al Sars-Cov-2 si deve continuare a fare la raccolta differenziata dei rifiuti, a patto di seguire alcuni accorgimenti per limitare il più possibile errori nella raccolta e nel conferimento.

Se sei positivo al Covid-19, devi conferire i tuoi rifiuti secondo le regole della raccolta differenziata, ma con i seguenti accorgimenti:

  • per il secco non riciclabile, l'umido, plastica e metalli metti i rifiuti in sacchetti assicurandoti di non danneggiali o contaminarli esternamente. È indispensabile che i sacchetti non siano bucati e che non si strappino: per questo motivo utilizza eventualmente anche più di un sacchetto (uno dentro l’altro);
  • metti in sacchi chiusi anche fazzoletti di carta, i rotoli di carta asciugamano, mascherine, guanti, test per autodiagnosi Covid-19, eventuali altri presidi sanitari e gettali nel secco non riciclabile;
  • ricorda di chiudere bene i sacchi utilizzando guanti monouso, senza schiacciare e comprimere i sacchi con le mani;
    quando hai terminato l'operazione, rimuovi i guanti monouso che hai utilizzato rovesciandoli (per evitare che vengano a contatto con la cute) e gettali nel successivo sacco di rifiuti indifferenziati;
  • evita l’accesso di animali da compagnia ai locali dove sono presenti sacchetti di rifiuti.

 

Se non sei positivo, continua a fare la raccolta differenziata, ma a scopo cautelativo getta sempre nel secco non riciclabile fazzoletti di carta, i rotoli di carta asciugamano, mascherine e guanti, test per autodiagnosi COVID-19 e altri presidi sanitari eventualmente utilizzati.

ORDINANZA n. 4.pdf Regione Abruzzo -adeguamento alle indicazioni dell'ISS del 3 marzo 2022 stabilite nella" nota tecnica ad interim. Gestione dei rifiuti urbani associata al virus SARS-CoV-2"

La Commissione Europea che fornisce attraverso il “Waste management in the context of the coronavirus” le modalità di gestione dei rifiuti a seguito dell'emergenza coronavirus,  evidenzia che “secondo
il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), non vi sono attualmente
elementi per ritenere che le procedure standard di gestione dei rifiuti non siano sicure o siano
insufficienti sotto il profilo del rischio di infezione da Covid-19 o che i rifiuti domestici siano implicati
nella trasmissione della SARSCoV-2 o di altri virus respiratori. Per quanto riguarda la protezione
dall’esposizione al coronavirus sui luoghi di lavoro, l’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul
lavoro ha pubblicato orientamenti in materia” (sezione 3 Waste management in the context of the coronavirus).

 


 

 

counter

Ultime Novità

Caricatore unico per smartphone e tablet: l’Usb-C diventerà ...
Il caricabatterie universale sarà presto realtà. Lo ha comunicato via social la commissione Imco (Commissione per il ...
Giornata Mondiale degli Oceani 2022, proteggiamo il nostro ...
l'8 giugno ricorre la Giornata Mondiale degli Oceani, una serie di eventi per promuovere la vita degli oceani e ...

Percentuali RD

App Andoid o iPhone